traduttore

mercoledì, aprile 01, 2020

UN FIORE AL GIORNO 16




Laboratorio Floreale di Odessa Chiaravalli


LAVANDA.
Avevo voglia di mettere lei, per avere qualcosa di bello in questa giornata fredda e grigia e poi perché, al fiorire della Lavanda officinalis, mi auguro saremo tutti all'aria aperta e magari in qualche posto dove poterla osservare dal vero! Questa della foto è la Lavanda Stoechas, quella a fioritura primaverile, con un profumo diverso dall' officinalis, più dolciastro ma ugualmente paradisiaco! 💜
La Lavanda è originaria delle aree mediterranee, il suo nome deriva dal latino 'lavare', perché ai tempi dei romani e dei greci, veniva usata come detergente e per profumare l'acqua termale, oltre all'uso dell' essenza come rilassante e purificante, antisettico, antireumatismi, anti emicrania e, come olio essenziale, per guarire ferite e punture d' insetto. Tutti benefici e usi arrivati inalterati anche a noi!
👀In epoca medioevale, durante la festa di San Giovanni, i romani sventolavano per le strade mazzetti di lavanda per proteggersi da demoni e disgrazie. Mentre le spose ne aggiungevano qualche spiga nel loro bouquet per un augurio di fecondità 💐.
Nel linguaggio dei fiori è la DIFFIDENZA, pare derivi dal fatto che serpenti e api amassero nascondersi nei campi di lavanda per proteggersi e la VIRTÙ per le sue numerose proprieta benefiche. Recentemente la Medical University of Vienna ha riconosciuto questo fiore più efficace dei medicinali contro gli stati d'ansia!
💄Oltre all 'utilizzo psico-fisico, tutti sappiamo gli altri mille utilizzi della Lavanda: per profumare la casa e la biancheria, come tonico astringente e purificante per il viso, come rimedio anti tarme. Chi una volta nella vita non ha fatto un profumatissimo sacchettino in lino ripieno di lavanda? 😍
➡️A proposito, come si secca?
Legatela formando un mazzolino, appendetela a testa in giù in un posto secco, ben areato e non al sole diretto. Una volta essicato, sgranate i fiori e riponeteli in sacchettini di carta o tela, aggiungete qualche goccia di olio essenziale per ravvivare il suo profumo nel tempo. 😊




La foto che vedete sotto è di un fuso di lavanda che avevo fatto anni orsono e profuma ancora.

il link  vi porta ad un tutorial per realizzarli.






martedì, marzo 31, 2020

TENIAMOCI PER MANO


Ieri notte non riuscivo a dormire e mi sono ricordata di quando nel 2009 avevamo già provato a tenerci per mano tutte insieme e di quando dicevo a mio figlio piccolo "dormi che poi arriva Superman e risolve tutto".
Adesso l'Italia avrebbe bisogno di essere presa in braccio nel frattempo teniamoci per mano virtualmente.
Ciao







UN FIORE AL GIORNO 15




Laboratorio Floreale di Odessa Chiaravalli

PEONIA.
Come tutti sappiamo è il Fiore simbolo della Cina a cui si lega una storia, un significato ed un uso, per cui potrei scrivere per ore.
Comincerò col dirvi che nella loro tradizione le stagioni sono suddivise in fiori: la Peonia è il fiore della tarda primavera- inizio estate, seguito dal Loto, dai Crisantemi e dai fiori di Pruno.
La Peonia è legata alla complementarietà degli opposti, nell'unione armonica di Uomo e Donna (feng - shui) perciò è bene posizionare un vaso di Peonie nella zona sud-ovest della camera da letto per: mantenere un matrimonio felice, per attirare la compagna ideale, per una buona situazione sentimemtale e nel caso di peonie rosse, per una buona attività sessuale. ❤️
Il suo nome deriva da 'Paeon', eccellente allievo di Asclepio, dio greco della Medicina. Si narra che una notte Paeon si trasformò in un fiore per aiutare( col suo succo di rugiada), Leto, a partorire i gemelli Apollo e Artemide.
Ancora oggi in Cina viene posizionata accanto alle donne partorienti per alleviare loro il dolore e donare forza e viene usata per curare i dolori mestruali e l'asma. I romani la usavano per curare ben 20 malattie e la chiamavano 'erba beata' perché teneva lontano streghe, demoni e proteggeva il raccolto e il bestiame .
👀I fiori sono commeatibili e si fanno degli ottimi the ed insalate.
💄Fiore dalle altissime proprietà antirughe la troviamo in moltissimi prodotti di skincare e profumi!
🈹Nella BODY ART la Peonia è diffusissima! Coi suoi multipetali e le sue sfumature sta bene tatuata su qualsiasi parte del corpo e simboleggia FORZA e PROTEZIONE. Ma, secondo i colori assume diversi significati: bianca è simbolo di PUREZZA e ARGUZIA, rosa è AMORE ROMANTICO, rosse sono l'EROTISMO FEMMINILE e la FORZA.
Fiore, tatuaggio, fragranza o cura, siamo tutte un pò innamorate di questo fiore, dai suoi petali di seta e dalla sua corolla che esplode maestosa 💗
La foto di oggi è di una Peonia che probabilmente non vedeva l'ora di farsi vedere, di far scrivere di sé e di portarci a sgranare gli occhi dalla bellezza , visto che è parecchio in anticipo! E noi ne siamo felici!😍
Oggi volevo dedicare questo fiore alla mia dolce Carol❤️che come diaegna lei le Peonie sulla pelle, nessuno lo fa! 💕
#carolinarazetto
#duende


lunedì, marzo 30, 2020

UN FIORE AL GIORNO 14



ANEMONE NEMOROSA
Chiamato 'fiore del vento' per la fragilità delle sue corolle e per una bellissima storia che fra poco vi racconterò...
In questo periodo formano bellissimi tappeti in tutta la Brianza,nelle zone più selvatiche..lunghissimi meravigliosi tappeti stellati di bianco! Questo non è l'anemone più conosciuto ma è quello selvatico, il 'primo anemone', che ho potuto fotografare per voi da qui e secondo me di una bellezza, pura, indescrivibile.
La storia che arriva dalla mitologia greca narra che la dea Flora aveva tra le sue ninfe una bellissima fanciulla di nome Anemone, gli dei dei venti Boria e Zefiro erano perdutamente innamorati di lei tanto che causavano continue, turbolente bufere per contendersela. Flora gelosissima trasformò così la ninfa in un fiore, un fiore bellissimo ma delicatissimo e le inflisse un' orribile punizione:
alla sua fioritura, avrebbe perso presto i suoi petali, spazzati via dal gelido vento di tramontana di Borea (perdendo cosi subito la sua bellezza) e arrivando già avvizzita a Zefiro con le sue prime brezze primaverili.
Cosi facendo la dea non permise più a nessuno dei due di contendersela. Ecco perché lo chiamano fiore del vento... 🌬️
E per questo è associato alla FUGACITÀ di una COSA BELLA,di un MOMENTO INTENSO o di un 'EMOZIONE POSITIVA.Plinio Il Vecchio raccomandava di raccogliere il primo anemone dell' anno, metterlo in sacchetto di tela e tenerlo al collo, questo avrebbe tenuto lontano la febbre e il male. Ancora oggi si dice che piantare anemoni nel proprio giardino serva a PROTEGGERE la CASA e a PROTEGGERE e GUARIRE le persone che ci abitano.
👀Si tratta di una pianta tossica, ma, una volta essicata ha incredibili benefici ANTIDEPRESSIVI per il SISTEMA NERVOSO e LENITIVI per l' APPARATO DIGERENTE.
Vi lascio nelle stories una foto nel suo habitat naturale e come sempre un "INSIDETHEFLOWER".
Farò in modo di essicarli e di farvene avere uno allegato alle mie consegne e per quando finirà tutto questo, vi aspetterà qui al LAB. Usatelo, come ci insegnano gli antichi, da amuleto, o semplicemente per far affiorare un sorriso sul vostro volto ricordandovi della sua bellissima storia e del suo bellissimo musino.


domenica, marzo 29, 2020

UN FIORE AL GIORNO 13





Laboratorio Floreale di Odessa Chiaravalli

TIMO
Dal latino 'thymosus-che ha profumo o dal greco 'thymos-anima'
lo chiamavo anche 'il respiro di Zeus' e lo usavano con gli anziani per ridargli FORZA, AGILITÀ e GRINTA. 
Fin dai tempi antichi il timo ha sempre simboleggiato l'OPEROSITÀ e la DILIGENZA poiché associato alle api che sempre in movimento, ne estraevano il nettare per portarlo nell'alveare. Per gli Egizi era sacro e lo usavano per imbalsamare, mentre gli Etruschi lo usavano come antibiotico.
👀Nel 1630 a Tolosa durante l'epidemia della peste si racconta che quattro ladri, immuni alla malattia, saccheggiavano case e tombe incuranti della morale, quando furono catturati furono costretti a rivelare che si cospargevano di un unguento di Timo, Lavanda e Rosmarino intinti nell' aceto.
Questo preparativo, considerato un ANTISETTICO NATURALE POTENTISSIMO, tutt'ora viene chiamato "aceto dei quattro ladri".
💄Usato per ottimi infusi e olii essenziali, se ne ricava un buonissimo miele, grazie alle preziose api! 🐝 
A tal proposito vi lascio un bellissimo testo tratto dal libro sul Linguaggio dei Fiori di Charlotte de Latour che cita:
TIMO VITALITÀ
"Insetti di tutte le forme, scarabei di tutti i colori, api operaie, farfalle leggere, circondano senza posa i ciuffi fioriti del Timo. 
Forse questa umile piantina appare ai leggeri abitanti dell'aria, che vivono solo una primavera, come un immenso albero antico come la Terra, coperto di foglie sempreverdi su cui i fiori troneggiano come superbe anfore, colme di miele a loro uso".
La VITALITÀ, associata a questa pianta, è una qualità BATTAGLIERA simbolo di VERO CORAGGIO, per questo le dame ricamavano sempre sul mantello dei loro cavalieri, delle api che ronzano attorno a un rametto di timo.
🐝💛Abbiate cura delle nostre piccole, battagliere, lavoratrici, amiche e delle loro amate piantine, le aiuteremo così a salvare tutti noi. 💛🐝

sabato, marzo 28, 2020

UN FIORE AL GIORNO 12





Laboratorio Floreale di Odessa Chiaravalli


FRAGOLINA di BOSCO
(Fragaria)
Il suo nome deriva dal latino 'fragrans' per il profumo dei suoi frutti.
Apprezzata già dall'uomo primitivo, fu coltivata per la prima volta in Persia. 
Lo sapevate che la fragolina di bosco è "l'originale"? 
Si, perché la fragola che conosciamo noi è un' ibridazione di due fragaria di origine americana, arrivata a noi circa due secoli fa!
Simboleggia PURA BONTÀ ma anche STIMA e AMORE dovuto alla forma dei suoi frutti rossi (passione) a forma di cuore ❤️!
👀Otello regalò a Desdemona un fazzoletto ricamato con fragole, Venere pianse lacrime 
d' amore alla morte di Adone che si tramutarono in un piccolo frutto rosso a cuore,
Luigi XIV (il Re Sole) era un vero appassionato delle fragole (che giunsero a lui dalla Via della Seta, grazie a un militare Francese) e se le faceva coltivare nel suo giardino a Versailles (per poi usarle a corte per giochi a sfondo amoroso e sessuale!
 🙊😂).
E non dimentichiamo nel film Pretty Woman la scena con fragole e champagne per passare una "piacevole serata"
 😍!
👉Fragole e fragoline di bosco hanno veramente tantissime proprieta : le foglie essicate (piu succose quelle delle fragoline da sottobosco) aiutano contro i reumatismi, hanno funzione tonica e astringente per l'intestino, migliorano tutto il sistema ghiandolare. I frutti sono ricchi di minerali e vitamine e RINFORZANO le DIFESE IMMUNITARIE.
Le foglie, giovani e fresche, vengono usate per minestre e per insaporire riso e altre pietanze e in Cina le usano per un pregiatissimo the! Il decotto fatto coi rizomi ha funzione depurativa e diuretica! Insomma una pianta bella, buona e utile a 360°!!🤗

venerdì, marzo 27, 2020

UN FIORE AL GIORNO 11




Laboratorio Floreale di Odessa Chiaravalli

GAROFANO
Nome botanico Dianthus ovvero 'fiore degli dei', in particolare era il fiore sacro a Zeus ma collegato anche alla dea della caccia Diana in una questione d' amore... pare infatti che avesse sedotto un giovane e poi lo avesse abbandonato, il giovane pianse così tanto che ad un certo punto le sue lacrime iniziarono a trasformarsi in garofani.
Il colore originario del garofano è quello rosa, anche se oggi ne troviamo in tantissimi colori.
Ad ogni colore corrisponde un diverso significato: 
Rosa è simbolo di TENEREZZA e AFFETTO,
Bianco AMORE ETERNO, 
Porpora è un CAPRICCIO, 
Giallo è DELUSIONE, 
Screziato è simbolo di FIDUCIA VERSO CHI LO DONA, 
Rosso è ENERGIA 
ma cambia di significato in base alle nazioni:
da noi è il fiore della Festa del Lavoro e AMORE nel giorno della Festa della Mamma, 
in Corea è legato all'amore per i genitori ma è anche regalato dagli studenti agli insegnanti, in segno di gratitudine, nel giorno della loro festa.
Il garofano non è una pianta legata ai defunti come mi sento spesso dire!È un fiore resistentissimo, fiorisce tutta estate al sole ed è verde d'inverno e poi il suo profumo... adoro il suo profumo!!! Molto più di quello di giacinti e narcisi!
👀Curiosità.
Lo sapevate che i chiodi di garofano altro non sono che l'apice delle infiorescenze di una pianta esotica parente del Mirto Sardo? Si! Il suo nome scientifico è Eugenia! Per uno storpiamento del nome sono stati chiamati chiodi di garofano,ma non c' entrano assolutamente nulla col fiore! Eppure... fate una prova.. Il profumo in entrambi è identico! 😮😊